Premio del
doppiaggio cantato

ERNESTO BRANCUCCI

Schermata 2022-09-16 alle 14.03.44.png

La 1° edizione del "PREMIO DEL DOPPIAGGIO CANTATO ERNESTO BRANCUCCI” è un’iniziativa presente all’interno della manifestazione “Musicfilm – 6° Festival delle colonne sonore” organizzata dall’Associazione Musicfilm, indetta insieme alla Scuola Ermavilo e il pieno appoggio della famiglia Brancucci.

Il premio ha il patrocinio del Comune di Ferrara e del Giffoni Film Festival. 

 

Il valore artistico di Ernesto Brancucci è stato talmente elevato da motivare la nascita di questo concorso che intende premiare i giovani aspiranti attori/cantanti/doppiatori che, come ha fatto il M° Brancucci, siano capaci di arrivare al cuore della gente, attraverso la loro voce e alla loro interpretazione attraverso il doppiaggio cantato. L'obiettivo è quello di scoprire, valorizzare e premiare il talento emergente dando concrete opportunità di sbocco formativo nel campo del Doppiaggio cinematografico. 

Il Premio è un’occasione per il pubblico di avvicinarsi al mondo delle voci oltre il buio, ponendo l’attenzione sulla complessità e sul fascino del mestiere del doppiaggio cantato.

 

Il Premio del doppiaggio cantato Ernesto Brancucci, unico in Emilia-Romagna e in Italia, ha l’obiettivo di promuovere, tutelare e propagare la qualità dello stesso: un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale che si propone infatti di analizzare ed evidenziare le potenzialità, le sue influenze linguistiche, metriche, musicali e stilistiche che determinano l’evoluzione del linguaggio musicale in un contesto cinematografico. Grazie ad una tecnica precisa, ovvero il sincronismo ritmico labiale o lip-sync, il doppiaggio cantato non impedisce la conoscenza di una lingua musicale diversa, ma fornisce la possibilità a tutti di fruire di contenuti di qualità prodotti in altri paesi. È uno strumento di diffusione della cultura che non da freno ad essa. Una cultura anche musicale che deve tener conto di vari aspetti come il ritmo, la rima e il messaggio. Il tentativo è quello di arrivare a un risultato finale che soddisfi, contemporaneamente, il rispetto del messaggio originale, la metrica, le rime e le immagini sullo schermo.

Il tutto, consentendo all’interprete di cantare agevolmente, in modo da potersi concentrare sulle emozioni e sulla interpretazione. 

ERNESTO BRANCUCCI

Tra le figure che hanno portato la nostra cultura cinematografica in tutto il mondo, vi è sicuramente Ernesto Brancucci. Nato a Parma conosciuto in tutto il mondo per aver collaborato con il Maestro Pietro Carapellucci, tenore della Cappella Sistina, alle registrazioni delle colonne sonore cantate di vari film della Disney. Capace di essere anche adattatore delle canzoni in italiano. Un attività che consiste nella trasposizione linguistica e culturale dei contenuti dei brani e nell’adattamento dei dialoghi in termini di sincronizzazione labiale ed espressiva degli interpreti. Un lavoro complesso per adattare nella lingua italiana il gergo, i giochi di parole ed eventualmente l’umorismo straniero.

In tutti questi anni, Ernesto Brancucci ha collaborato alle registrazioni delle versioni italiane delle colonne sonore, sia in veste di corista, che di cantante solista, che di direttore e preparatore di coro, in film come “Cenerentola”, “Biancaneve e i sette nani”, “Il libro della giungla”, “Mary Poppins”, “Citty Citty Bang Bang”, nel quale ha doppiato Dick Van Dyke, “La carica dei 101”, Il più felice dei miliardari, dove ha doppiato l’attore principale Tommy Steele, “Gli Aristogatti”, “Robin Hood”, “Basil l’Investigatopo”, “Oliver and Company” e tanti altri. Negli anni successivi, ha iniziato anche a scrivere i testi italiani delle canzoni, realizzandoli per film del calibro di: “Oliver & Company”, “La Sirenetta”, “Bianca e Bernie nella terra dei canguri”, “La Bella e la Bestia”, “Aladdin”, ed altri. La collaborazione è durata diversi anni, sino alla scomparsa del Maestro Carapellucci. Da quel momento ha iniziato, a pieno titolo, a dirigere i cantanti, il coro, i doppiatori, gli attori nell’esecuzione delle canzoni. Tra i lavori più appassionanti, citiamo anche “Il Re Leone”, le canzoni corali di “Nightmare Before Christmas”, compresa la famosa canzone “Questo è Halloween” , “Mucche alla riscossa”, “Scrubs”, “Duck Tales – Avventure di paperi”, “Cip & Ciop Agenti speciali”, “Dov’è finita Carmen Sandiego?” e tanti altri. Inoltre ha scritto i testi delle canzoni del film Anastasia, cantate da Tosca, Fiorello e Cristina Brancucci nella parte dell’Imperatrice. È stato fondatore, insieme alle figlie Lorena e Virginia, della prima scuola di doppiaggio cantato aperta in Italia.